Stelle e Strisce sempre meno sdolcinate

Via gli zuccheri, che non dovranno rappresentare più del 10 per cento delle calorie ingerite ogni giorno, stesso destino per i grassi saturi aggiunti come il burro, e pochissimo sale: dopo un anno di diatribe e polemiche tra esperti e lobbisti delle varie industrie, sono uscite le nuove linee-guida alimentari del governo Usa che salva la carne rossa nonostante la discutibile (considerando i test datati su merce elaborata industrialmente) presa di posizione da parte dell’Oms nei mesi scorsi.

Il documento per la prima volta indica negli zuccheri e nei cibi trattati con sali, i nemici principali per una buona salute, salvando invece le uova: è caduta infatti la vecchia raccomandazione di limitare i cibi contenenti colesterolo in quanto non è provato aumentino i ‘grassi ‘cattivi’ nel sangue’.

‘Ok’ dei nutrizonisti persino al caffè, sino a 3-5 tazzine al giorno e nessun ‘bando’ diretto al consumo di carni rosse. La tavola degli americani – secondo le linee guida – dovrebbe contenere: frutta, verdure, cereali integrali, legumi,latticini magri, noci e nocciole, pesce e carni magre, olii.