Da Fda sì a patate e mele ogm

Dagli Usa arriva il sì a mele e patate geneticamente modificate. La Food and drug administration (Fda), l’agenzia che regola farmaci e alimenti, ha infatti completato la sua valutazione per due varietà di mele e sei varietà di patate ogm, concludendo che sono sicure e nutrienti come mele e patate ‘tradizionali’.

Le due varietà di mele, Granny Smith e Golden, sono geneticamente progettate per non diventare marroni una volta tagliate e ammaccate, riducendo il livello di enzimi responsabili.

Le patate, del tipo Ranger Russet, Russet Burbank e Atlantic, sono invece progettate per ridurre le macchie nere e produrre meno acrilamide, sostanza chimica che si può formare in alcuni alimenti per le alte temperature della frittura, che si è visto essere cancerogena nei roditori. I cibi ricavati usando piante ogm devono avere gli stessi standard di sicurezza di quelli composti con le piante tradizionali.