Armati di contraddizioni tra stelle e strisce

Presto negli Stati Uniti sarà più facile vedere gente che fuma liberamente cannabis per strada piuttosto che trovare qualcuno con una sigaretta in bocca. Il numero di adulti americani che fumano bionde, infatti, nel 2013 ha toccato il suo livello più basso nella storia. Appena il 17,8%, in calo rispetto al 20,9% del 2005 e al 42,4% del 1965, anno in cui il governo di Washington ha cominciato a compilare statistiche sul tabacco. I meriti di questi risultati, secondo gli esperti, sono imputabili ai prezzi più elevati dei pacchetti, nonché alle martellanti campagne antifumo. Ma la missione non è compiuta: l’obiettivo federale, infatti, è di scendere al 12% di consumatori entro il 2020.

Ivano Abbadessa (West-info)