Al via “Okkio alla ristorazione”

Promuovere il consumo di frutta e verdura, ridurre l’utilizzo di sale con la scelta di quello iodato e aumentare l’assunzione dei folati (i fattori protettivi per rilevanti patologie) attraverso l’assunzione di ortaggi a foglia verde. E poi, ancora: consentire un consumo fuori casa in sicurezza dei pasti per le persone celiache, diminuire l’introito di zuccheri e grassi animali e incrementare l’utilizzo di olio di oliva.

Sono tutti obiettivi che si prefigge di raggiungere “Okkio alla Ristorazione” il progetto interregionale che, oltre al Lazio, interessa la Sicilia, la Campania, l’Emilia Romagna, le Marche e il Veneto, con lo scopo di sorvegliare, monitorare e promuovere la salute nella ristorazione collettiva. Anche la Ausl di Viterbo ha aderito all’iniziativa con una serie di incontri informativi e formativi che partiranno nei prossimi giorni e che si svolgeranno con i responsabili e con gli operatori delle aziende di ristorazione. In programma appuntamenti anche nelle mense dell’ospedale di Belcolle e della Centrale Enel di Montalto di Castro.

Il progetto, infatti, mira a sviluppare una fattiva collaborazione tra i Servizi igiene alimenti e nutrizione (Sian) e le imprese che si occupano di ristorazione sul territorio per promuovere la diffusione e l’adozione di corretti stili alimentari da parte di tutti gli utenti che ogni giorno si recano nelle mense aziendali attraverso la costituzione di una rete operativa che produca salute a “basso costo” (economico, sociale e individuale). Perché anche tramite le buone abitudini alimentari si può prevenire l’insorgere di patologie cronico-degenerative come il diabete, le malattie cardiovascolari, l’obesità e l’osteoporosi.