Elio e le storie liete

Europei under 17: Capradossi regala all’Italia una storica finale

Dopo le polemiche per i cori razzisti a Balotelli (secondo Blatter, presidente della Fifa, la multa di 50mila euro con diffida alla Roma non basta), è bello rispondere così, ancora sul campo, con una nuova copertina. Quella che vogliamo mostrarvi oggi è l’immagine di Elio Capradossi (nella foto con il selezionatore Zoratto), che a Zilina (Slovacchia) ha contribuito a portare l’Italia in finale dell’Europeo under 17: piccoli talenti crescono.

Nato a Kampala (Uganda) l’11 marzo 1996, Capradossi ha la pelle scura (proprio come Balotelli) e – ironia della sorte – gioca negli Allievi della Roma (è stato allenato prima da Montella nei giovanissimi, ora da Tovalieri).

Se Mario, poco meno di un anno fa, stendeva da solo la Germania (mix di tedeschi puri e naturalizzati) portando in finale gli Azzurri (la Nazionale maggiore) agli Europei di Polonia e Ucraina, ieri Elio ha segnato al 24’ della ripresa il secondo gol nella semifinale con i padroni di casa della Slovacchia, che ha regalato all’Italia la storica finale della massima competizione continentale. La gioia è tanta e lui a fine gara ha dichiarato: “E’ tutto perfetto”.

Non è un attaccante ma un difensore centrale. Il suo gol però lo ha fatto e non è neanche l’unico: aveva già segnato contro la Russia (che ritroverà in finale), così come il suo compagno di squadra Mario Pugliese (autore della rete del vantaggio al 3’ e del gol-vittoria con l’Ucraina nel girone finale). Il coetaneo di Elio è un centrocampista dell’Atalanta.

Arrigo Sacchi e Maurizio Viscidi (coordinatori delle nazionali giovanili) da qualche anno si stanno impegnando per riportare il nostro movimento calcistico al livello dei migliori paesi europei (Spagna, Inghilterra e Germania, ma anche Francia, Svizzera e alcuni paesi dell’Est): ora possono iniziare a raccoglierne i frutti.

Nella seconda semifinale, i russi superano ai tiri di rigore (10-9) i pari età della Svezia (0-0 dopo i tempi regolamentari). Ricordiamo che la categoria Allievi (sia professionisti che dilettanti) prevede la disputa di due tempi di 40 minuti ciascuno.

L’appuntamento è fissato per venerdì 17 maggio allo stadio MSK Zilina (ore 18.00, diretta Eurosport): si gioca per la storia, e per i nostri colori.