Lo avete mai usato per farne un frullato con le mele? No, e allora dovete rimediare subito. Questo succo abbina le proprietà antiossidanti della mela a quelle toniche e stimolanti dello zenzero. Lo zenzero, non il cumino (guarda video). Farlo è facile: centrifuga quattro mele rosse con la buccia e dieci centimetri di zenzero fresco tagliato a fettine. Metti in un bicchiere, aggiungendo miele a piacere e due foglie di menta spezzettata.

La variante
Utilizza sciroppo d’acero al posto del miele e pere in sostituzione delle mele. Oppure, miscelare un centrifugato di mela con una manciata di mirtilli. Con questo drink (adatto soprattutto a chi pratica sport) si fa il pieno di vitamine, liquidi ed energia.

Se poi hai ospiti a cena, vai con Seitan limone e zenzero
Il seitan è un alimento ricavato dal glutine della farina di frumento, viene cotto ed insaporito in acqua con salsa di soia (shoyu o tamari), alga kombu e sale. Per il suo aspetto e per il tipo di cottura è soprannominato anche “carne di grano”. A differenza della carne è privo di grassi e colesterolo, ma si presta comunque a molte preparazioni da realizzarecin pochi minuti: la cottura serve solo a farlo insaporire. Al primo approccio convine cucinarlo come una scaloppina insaporendo il piatto con zenzero e limone.

La conclusione è che, a volte, basta un tocco di zenzero (guarda video)

Ma perché tutto questo interesse per lo zenzero?
Il primo motivo arriva dalla Nagoya University. In base al lavoro svolto, alcune specie di zenzero, come il gingerolo e la curcumina, hanno evidenziato un’azione citotossica (capace cioè di danneggiare le cellule) contro alcuni tipi di tumore.
Il secondo da una ricerca dell’Università del Texas. Qui gli esperti ritengono che lo zenzero possa avere un ruolo protettivo contro le malattie neurodegenerative: Parkinson, meningite, tumore cerebrale e sclerosi multipla. Forse per questo, spiegano i ricercatori texani, queste malattie sono molto più rare in Asia che in Occidente.
Infine, una ricerca dell’Università dell’Arizona rileva gli effetti del rizoma di zenzero, capace di agire come antinfiammatorio contro i fattori causa della necrosi tumorale.