Un pranzo inizia sempre con l’assaggio di vari mezze (antipasti) che possono essere olive, sambouse (ravioli fritti ripieni di carne o di formaggio),fila (involtini di pasta sfoglia sottilissima ripieni di carne o di formaggio), falafel (polpette fritte di fave macinate), tursci (rape e cetrioli sotto aceto).

La tavola di solito, stando a quel che riporta il sito MangiareBene, viene apparecchiata come da noi. Però gli egiziani frequentemente, soprattutto se sono fra di loro, mangiano senza posate attingendo con pezzi di pane dai vari piatti posti al centro del tavolo. Bevono generalmente acqua o infuso di carcadè.

Alla fine del pasto viene servito il caffè turco ahwua che senza zucchero vien chiamato ahwua sada, con poco zucchero ahwua mazbut, con molto zucchero ahwua succarziada o del thè molto scuro e molto zuccherato shy.

Vedi anche Ricette egiziane