È cosa bella e sana farsi una bella insalata di colori, ma attenzione. Ci sono piante come la boraggine (vedi foto in evidenza) che molti considerano depurativa, diuretica e disintossicante, in verità non si mangia: nonostante la tradizione popolare, gli esperti sconsigliano il suo uso alimentare.

Della borragine si può utilizzare soltanto l’olio estratto dai semi, ricco in acidi grassi poliinsaturi, omega-3 ed omega-6, dotato di proprietà antinfiammatorie ed indicato nella patologia dermatologica a componente allergica. Altri fiori invece possono portare un po’ di sano romanticismo in cucina. Pensate a quante cose buone si fanno ad esempio con i fiori di zucca o con la malva, una pianta officinale dalle note proprietà benefiche e curative, emollienti e antinfiammatorie dell’apparato digerente.

Guarda  l’Atelier della Cusine des Fleurs. Qui, in Provenza, lo chef Yves Terrillon, prepara degli originali menu a base di fiori di stagione: Foie Gras de Canard ai petali di rosa confit, tagliatelle di rosa ai gamberetti, oppure sandwich di salmone affumicato e confit di gelsomino, per concludere con una crème brûlée alla lavanda. Per imparare tutti i segreti dello chef, basta seguire uno dei corsi che periodicamente vengono organizzati, alcuni anche solo dedicati ai bambini.

Ricette (attenti alla Rete: molte di quelle monitorate non risultano particolarmente salutari)

Trionfo di fiori di zucca
Lavate accuratamente la rucola e asciugatela per bene.
Lavate l’insalata Belga e dividetene le foglie.
Lavate il peperone giallo, dividetelo in due e toglietegli i semi ed i filamenti bianchi interni. Tagliatelo a listarelle e, una parte di quest’ultime, a piccoli cubetti.
Lavate le zucchine e tagliatele a julienne.
Lavate accuratamente i fiori di zucca.
Sbattete per bene l’olio e l’aceto con il sale ed il pepe.
Stendete su ciascun piatto un letto di insalata con rucola e insalata Belga; posizionate poi i fiori di zucca a corolla, cospargete i cubetti di peperoni e le listarelle con le zucchine a julienne.  Irrorate con la vinaigrette precedentemente preparata.  Servite.

Insalata di fiori
Lavate con cura tutte le insalatine e le foglie di margherita, asciugatele allargandole sopra un telo. Distribuitele sui piatti e guarnitele con i fiori. In una ciotola preparate un’emulsione di sale, succo di limone e olio, versatelo solo all’ultimo momento sull’insalata, che è molto delicata. Pepate generosamente con il pepe misto macinato al momento. Condite con olio e pepe anche il formaggio che accompagna l’insalata.

Budino di riso rosa-antico ai fiori di malva
Far stra-cuocere il riso allungandolo via via con l’infuso di malva dove avrete sciolto lo zucchero ed il cognac. Prima della fine della cottura, aggiungere la panna e far ritirare fino ad ottenere una consistenza cremosa. Lasciare risposare. Quando si sarà intiepidito, trasferire la crema di riso un quattro coppette monoporzione e ricoprire ciascuna con abbondante granella di nocciola. Riporre in frigorifero e servire freddo.

Foto di Gabriella Raffaelli