I medici britannici lanciano l’allarme: la dieta moderna, basata su “cibi spazzatura”, sta facendo riapparire tra i bambini alcune malattie dei tempi della Seconda guerra mondiale, come lo scorbuto, causato da carenza di vitamina C, e il rachitismo, dovuto a carenza di vitamina D e calcio. Si tratta di malattie tipiche, un tempo, delle aree del carbone e dell’acciaio, nelle valli del Galles.

Il presidente della British Medical Association, Mark Temple, ha lanciato un duro atto d’accusa all’industria alimentare, sottolineando come gli standard alimentari odierni del Regno Unito siano peggiori di quelli che c’erano con il razionamento durante la guerra, a causa del ricorso al takeaway e dei pasti al microonde. Nonostante frutta e verdura siano ampiamente accessibili, se ne consumano meno che nel 2007. Contemporaneamente, sono quadruplicati i ricoveri ospedalieri per disturbi correlati all’obesità.

Come riporta The Telegraph, negli ultimi venticinque anni, in Gran Bretagna, il numero degli obesi è più che triplicato.  In Inghilterra, nel 2011, gli obesi erano il 24,8% tra gli adulti e il 16,3% tra i bambini.  Secondo il governo di Londra, nel 2015 l’obesità costerà al Servizio sanitario nazionale 6,4 miliardi di sterline l’anno.

Foto di Gabriella Raffaelli