L’aglio è un ingrediente importante per la nostra salute. È spesso usato per preparare molte ricette: il suo bulbo attiva gli enzimi che sono in grado di eliminare le tossine, contiene allicina e selenio che puliscono il fegato. Anche le cipolle possono essere un’ottima scelta.

L’avocado, stando a Patrizia Chimera di Benessere, è un frutto tropicale che può aiutarci a pulire il fegato, grazie all’aiuto che danno all’organismo nella produzione di glutatione.

I broccoli, come i cavolfiori, i cavoli, i cavolini, possono disintossicare il fegato, aiutando la produzione di enzimi.

Il succo di pompelmo con la sua vitamina C stimola la produzione degli enzimi in grado di eliminare tutte le sostanze negative che abbiamo nel corpo.

Il tè verde è ricco di antiossidanti che fanno bene: da prendere al posto del solito tè o del classico caffè.

La curcuma è una spezia in grado di disintossicare il fegato e di aiutare a scoprire possibili sostanze cancerogene.

Il succo di mezzo limone bevuto con acqua calda ogni mattina è perfetto per disintossicare il fegato  (Leggi Dieci motivi per bere al mattino acqua calda e limone).

E ancora, olio di oliva, mele, carote, barbabietole, verdure a foglia verde, cereali, noci, frutti di bosco, uva rossa e yogurt possono aiutarci a prenderci cura naturalmente del nostro fegato.

Perché proteggere il fegato?
È il più grosso organo del corpo umano che occupa il quadrante destro della cavità addominale. Il fegato rappresenta circa il 50% del peso corporeo alla nascita per poi rappresentare nell’adulto quasi il 2.5% (pesa 1500 g, di cui il 20% è sangue).

Il fegato secerne bile (500-600 ml al giorno), un liquido giallo-verdastro composto prevalentemente da acidi e pigmenti biliari, nonché da colesterolo, lecitina e sali inorganici (di sodio e potassio). La bile svolge importanti funzioni, quali quella di emulsionare i grassi (e quindi facilitarne la digestione) e di stimolare i movimenti peristaltici intestinali.
Inoltre una delle principali attività del fegato è la disintossicazione dell’organismo da tossine, scorie ed altri elementi nocivi. Ma un eccesso di queste sostanze possono compromettere la “salute” del fegato.

Ecco, quindi, una tabella di Cristalfarma che esemplifica tutte le attività quotidiane che possono compromettere la “salute” del fegato.

Epatite C, record di persone infette in Italia
L’Italia ha un record per quello che riguarda i casi di persone infette da epatite C, ma non si tratta di un record positivo, dal momento che tra i paesi occidentali è quello con il maggior numero di infezioni. Vedi sito Epac