Mal di pancia e diarrea: rimedi di Greenstyle per curarli

111ebastaPuò derivare da un disturbo del piccolo o dell’intestino crasso (o grosso intestino); nel primo caso l’acqua in eccesso potrà essere riassorbita dal colon e in tal caso non avremo diarrea, ma feci formate. Quando al contrario il problema interessa il grosso intestino si avrà diarrea spesso accompagnata da muco. Sarà in ogni caso opportuno analizzarne le cause per poter intervenire con la soluzione più indicata.
Come prima cosa occorre escludere che la diarrea sia riconducibile all’assunzione di farmaci. In caso di ricorso a medicinali controllare il foglio illustrativo cercando eventuali possibili controindicazioni specifiche. Attenzione anche alla cosiddetta sindrome dell’intestino irritabile, nella quale l’assunzione di uno degli alimenti considerati a rischio può portare a un’alterazione della normale consistenza delle feci. Altre possibili cause della diarrea sono lo stress, le coliti, il virus della Salmonella e dell’E.Coli e parassiti come la Giardia (causa della diarrea del viaggiatore).
Durante le crisi di diarrea una delle cose più importanti da fare è bere molto, onde evitare i rischi connessi con la disidratazione. In alternativa è possibile anche consumare una camomilla con aggiunta di limone, così da abbinare proprietà disinfettanti a quelle calmanti garantite dalla bevanda. Possibile anche aggiungere dello zenzero, così da sfruttarne le proprietà riequilibranti la flora microbica intestinale. Da non consumare bollente, lasciare riposare alcuni minuti e bere l’infuso una volta tiepido. Andranno invece evitati caffè, bevande alcoliche o ghiacciate, che risulterebbero controproducenti nonché irritanti per la mucosa intestinale.
Un grande aiuto contro la diarrea arriva da alcuni cibi. In testa troviamo riso in bianco ben cotto (non del tutto scolato, così che conservi una maggiore quantità di amido), carote e patate lesse, conditi con olio d’oliva e sale. Nel caso delle verdure si potrà anche utilizzare come condimento abbondante succo di limone, sfruttandone così l’azione disinfettante.

1greenPane bianco, spinaci, pesce lesso o fatto ai ferri saranno altre valide alternative per i propri pasti, che andranno a seconda della stagionalità arricchiti con della frutta. Tra quella utile troviamo albicocca, ananas, banana, mela, pesca e pompelmo. Possibile anche il ricorso, moderato, a uno yogurt magro con fermenti lattici vivi, in grado di contribuire al benessere intestinale.
Un ultimo consiglio riguarda infine il decotto di corteccia di quercia, che sfrutta proprietà astringenti per ridurre il disagio legato alla diarrea. La preparazione può avvenire in differenti modi, due gli esempi. Possibile utilizzare 30 grammi di corteccia in 1 litro d’acqua in ebollizione per 20 minuti (consumarne 3 tazze al giorno) oppure scaldare una tazza d’acqua con un cucchiaino di corteccia per 3 minuti, dopodiché spegnere e lasciare riposare per 10 minuti. Filtrare il liquido dai residui e consumare.