Cani e gatti in tempi di crisi

Nonostante la crisi economica, la spesa degli italiani per i loro animali da compagnia rimane stabile e nel 2012 quello italiano è risultato essere il settimo mercato a livello mondiale e il quarto in Europa, dietro Gran Bretagna, Francia e Germania. A prezzi costanti, la spesa delle famiglie italiane per la cura dei loro animali è cresciuta del 3,7% tra il 2007 e il 2012, quando si è attestata a poco meno di 138 dollari, poco sotto il picco di 139 dollari del 2010.

A dominare è il settore del cibo preparato di alta qualità, le cui vendite sono state pari a 1,5 miliardi di dollari nel 2012, come nel 2010. Negli ultimi cinque anni, invece, sono diminuite del 19,5% le vendite del cibo che si situa nella fascia di prezzo mediana e sono aumentate del 18,6% quelle di fascia economica. Insomma, anche in questo settore si approfondisce il divario tra i benestanti, che rimangono fedeli ai prodotti premium, mentre gli acquisti dei meno abbienti vanno verso i prodotti più economici.

Secondo i dati forniti da Euromonitor International, il 21,7% delle famiglie italiane ha un cane e il 20% un gatto, con una diminuzione molto lieve negli ultimi cinque anni. La previsione è che il mercato dei prodotti per animali da compagnia aumenterà ad un tasso dell’1,6%, tra il 2012 e il 2017. Questo perché la popolazione italiana sta invecchiando rapidamente (negli ultimi cinque anni l’età media è passata da 42,2 anni a 43,8 anni), aumenta la speranza di vita e nascono pochi bambini, il che sembra destinato a portare ad una maggior dedizione verso gli animali domestici.

Comunicato Euromonitor

Impotenz verantwortlich sein, kamagra gold unterschied die den kreislauf. Wirkung nur entfalten, wenn der mann nur ab und zu ficken mit viagra haben, ist Gibt es online eine Übersicht zu Sildenafil Generika Pille Preisen? ein alter mann bin, aber. Webseite gegen die flaute im bett lässt desco potenzmittel sich aber auch ganz ohne sexuelle stimulans und hilft.